Forums La malattia avanzata “Visita di conciliazione”?

Stai visualizzando 7 post - dal 1 a 7 (di 7 totali)
  • Autore
    Risposte
  • #19739
    Pallina
    Partecipante

      Buon pomeriggio a tutte.

      Ho aperto questa nuova discussione per sapere se  qualcuna di voi si è trovata o si trova nella mia stessa situazione.

      Vi spiego: io sono abruzzese, ma in cura da due anni presso una ASL delle Marche, per vari motivi che non sto ad elencarvi.

      Finora, con la ricetta rossa dell’oncologa e il PT registrato all’AIFA, andavo nella farmacia ospedaliera della mia ASL, in Abruzzo, e prendevo il palbociclib senza nessun problema. Da maggio l’Asl di Teramo, o la Regione Abruzzo, non so, ha dato disposizioni per cui le farmacie ospedaliere possono accettare solo ricette della ASL di appartenenza e non di altre ASL. Quindi, ogni mese, i pazienti come me devono recarsi all’ospedale provinciale (nel mio caso distante 30 km) e farsi approvare la prescrizione da un medico ospedaliero, il quale non si sognerebbe mai, a mio parere, di non prescrivere un farmaco salvavita o di cambiarlo; ma significa ore di fila, perché c’è un solo medico per tutti i malati della provincia in cura in altre Regioni, non solo oncologici, un solo giorno alla settimana, per 3 ore circa.

      Se l’oncologa mi fa la prescrizione il martedì, ad esempio, dovrei aspettare il venerdì e non potrei ricominciare subito la terapia.

      A me sembra assurda una situazione del genere.

      Ho il diritto di scegliere dove curarmi, o no?

      Sapete se succede in altre parti?

      Se tra voi ci fosse qualche avvocato, o qualcuna che ne sa qualcosa, magari perché fa parte di associazioni, mi farebbe molto piacere avere informazioni su come muovermi, anche in privato.

      Grazie in anticipo

      #19740
      Pallina
      Partecipante

        Scusatemi, il titolo di questa discussione si riferisce al fatto che bisogna andare a questa visita di approvazione con tanto di impegnativa del medico curante con scritto “Visita di conciliazione”

        #19741
        Picchio
        Partecipante

          Ciao Pallina,

          capisco il disagio! Non ho questo problema ma a me l’abemaciclib viene consegnato direttamente quando vado a fare

          la visita oncologica (hanno pensato di diradare le visite ma purtroppo mi han detto che questo non è possibile proprio perchè devo prelevare il farmaco).

          Non ti affidano il farmaco direttamente dopo la viita?

          #19742
          Pallina
          Partecipante

            Ciao Picchio.

            No, il farmaco non mi viene consegnato direttamente dopo la visita perché sono in cura in un’altra regione e il farmaco deve essere dispensato dalla farmacia ospedaliera di competenza territoriale. Ma finora nessun problema: vado a visita nelle Marche, prendo la ricetta e vado nella farmacia dell’ospedale della mia ASl (Abruzzo) che me lo dispensa senza problemi. Ora questo non è più possibile…

            Stanno facendo questo per evitare che i pazienti si curino in altre regioni, alla faccia della libertà di scegliere il medico e del rapporto di fiducia che deve esserci tra paziente e curante.

            #19743
            Picchio
            Partecipante

              ok scusami , non ci ero arrivata…

              stupendo miglioramento sigh..

              #19748
              Effe
              Partecipante

                Ho cercato “visita di conciliazione” su internet e non ho trovato nulla di pertinente. Non è che ormai io mi stupisca molto, la sanità è in grossa difficoltà in tutte le regioni ma certo che i contorni normativi andrebbero capiti: un conto sono i meccanismi di controllo della coerenza prescrittiva, un altro è proprio ostacolare la scelta. La vedo brutta.

                #19751
                Francesca
                Partecipante

                  Ciao Ho capito il problema Pallina. Anche qui in Sicilia all’ospedale Civico dove mi curo io l’oncologa scrive la ricetta su un foglio bianco e dopo la visita vado giù in farmacia. E non potrei ritirare in altre sedi. Potresti provare a chiedere alla tua oncologa se in via eccezionale può farti direttamente la ricetta da ritirare in questa altra sede dove ti trovi meglio spiegandogli i tuoi motivi. Provare non costa nulla. Facci sapere👍

                Stai visualizzando 7 post - dal 1 a 7 (di 7 totali)
                • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.